Disposizioni UE relative ai cookie
Ai sensi della Direttiva 2009/136/CE, si informano le persone che desiderano visitare questo sito che, all'accesso, verrà registrato un cookie. Se non si è d'accordo, non entrare nel sito. Il cookie in questione sarà usato per registrare le preferenze concernenti la lingua ma non conterrà alcun dato personale e scadrà dopo un anno.

Notizie

​La Corte dei conti europea ha pubblicato oggi, per conto del Comitato di contatto delle istituzioni superiori di controllo (ISC) dell’UE, una rassegna sull’audit della sanità pubblica nell’UE. In totale, 24 ISC hanno contribuito a questo secondo compendio di audit del Comitato di contatto.

​La sanità pubblica è principalmente competenza degli Stati membri e perciò i sistemi sanitari presentano considerevoli differenze. L’UE sostiene gli sforzi profusi a livello nazionale, mirando pecificamente a integrare e coordinare le azioni degli Stati membri. Negli ultimi decenni, i sistemi sanitari nazionali hanno dovuto affrontare numerose sfide, quali i costi in costante aumento, l’invecchiamento della popolazione nonché la crescente mobilità dei pazienti e del personale sanitario.

“La sanità pubblica richiede sforzi coordinati da parte dell’UE e dei suoi Stati membri e rappresenta un settore che indubbiamente continuerà ad occupare un posto di rilievo nell’agenda politica delle generazioni future”, ha dichiarato il Presidente della Corte dei conti europea, Klaus-Heiner Lehne. “È quindi fondamentale portare a conoscenza del pubblico le risultanze degli audit recenti espletati nell’intera UE.”

Il Compendio fornisce informazioni sul contesto in cui opera la sanità pubblica, sulla sua base giuridica, sui principali obiettivi e sulle relative competenze a livello di Stati membri e dell’UE. Illustra inoltre le principali sfide che l’UE e i suoi Stati membri stanno affrontando in questo campo. La sanità pubblica è un ambito complesso da sottoporre ad audit. Ciononostante, il vasto numero di audit espletati negli ultimi anni rispecchia la grande importanza che riveste per i cittadini dell’UE.

Il Compendio riassume le risultanze dei recenti audit svolti dall’Unione europea e dalle ISC di 23 Stati membri dell’UE: Belgio, Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Malta, Austria, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia e Finlandia. Gli audit espletati hanno riguardato importanti aspetti della performance ed esaminato diverse questioni di sanità pubblica, come la prevenzione e la protezione, l’accessibilità e la qualità dei servizi sanitari, l’uso di nuove tecnologie e l’assistenza sanitaria on-line (e-Health), nonché la sostenibilità di bilancio dei servizi sanitari pubblici



04/01/2020
Questo sito è gestito dalla Corte dei conti europea