Special report|20d56233-5179-449f-93ac-6c9e8f3787cb
-->
Relazione speciale 01/2021: La pianificazione della risoluzione nel meccanismo di risoluzione unico

Italian icpdf.png 5 MB
14/01/2021

Nel 2014 l’UE ha istituito il meccanismo di risoluzione unico (SRM) per assicurare la risoluzione ordinata delle banche in dissesto con oneri minimi per i contribuenti, evitando costosi salvataggi. La Corte ha valutato l’adeguatezza del quadro strategico e l’assetto organizzativo per la pianificazione della risoluzione, nonché la qualità e la tempistica dei piani di risoluzione adottati per le banche. La Corte ha constatato che l’SRM ha fatto progressi, ma mancano alcuni elementi fondamentali e sono necessari ulteriori passi avanti. In particolare, le politiche nel loro insieme non hanno ancora affrontato tutti gli ambiti pertinenti o le debolezze emerse. Alcune carenze, come il finanziamento della risoluzione o l’armonizzazione delle procedure di insolvenza nazionali per le banche, vanno colmate dai legislatori. La Corte raccomanda all’SRB di migliorare le politiche adottate per la pianificazione della risoluzione, assicurare un’adozione tempestiva dei piani di risoluzione e la loro piena conformità ai requisiti giuridici, nonché preporre sufficiente personale alla supervisione della pianificazione della risoluzione da parte delle autorità nazionali di risoluzione per le banche meno significative. La Corte invita i legislatori a definire soglie più obiettive e quantificate per far scattare le misure d’intervento precoce.

Relazione speciale della Corte dei conti europea presentata in virtù dell’articolo 287, paragrafo 4, secondo comma, del TFUE.