Disposizioni UE relative ai cookie
Ai sensi della Direttiva 2009/136/CE, si informano le persone che desiderano visitare questo sito che, all'accesso, verrà registrato un cookie. Se non si è d'accordo, non entrare nel sito. Il cookie in questione sarà usato per registrare le preferenze concernenti la lingua ma non conterrà alcun dato personale e scadrà dopo un anno.

2013

Riunione straordinaria del Comitato di contatto dei presidenti delle Istituzioni superiori di controllo (ISC) dell’Unione europea, tenutasi presso la Corte dei conti europea l’8 maggio 2013
Luxembourg2013CC.jpg
 
In data 8 maggio 2013, presso la Corte dei conti europea si è tenuta una riunione straordinaria dei presidenti delle ISC dell’Unione europea. La riunione è stata presieduta da Giedrė Švedienė, controllore generale presso la ISC della Lituania e presidente di turno del Comitato di contatto. Vi hanno preso parte 59 delegati provenienti da 24 ISC dell’UE, dalla Corte dei conti europea e dalle ISC di quattro paesi candidati (Croazia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro e Serbia). Si è trattato della prima riunione straordinaria nella storia del Comitato di contatto.
 
I temi in discussione erano due: 1) una bozza di dichiarazione sull’importanza di disposizioni adeguate in materia di audit e di responsabilità democratica nell’Unione economica e monetaria, e relativi sviluppi; 2) uno scambio preliminare di opinioni sul documento di presa di posizione della task force ‟Resolution 6” del Comitato di contatto.
 
Per quanto riguarda il primo argomento, i membri del Comitato di contatto hanno discusso una iniziativa finlandese che proponeva di inviare una dichiarazione comune al presidente del Consiglio europeo, in vista della prossima discussione, prevista per il giugno 2013, sulle possibili misure e su una tabella di marcia per approfondire ulteriormente e completare l’Unione economica e monetaria (UEM). Detta discussione in seno al Consiglio forniva un’importante opportunità per attirare l’attenzione dei decisori politici sul ruolo della responsabilità democratica e dell’audit esterno delle finanze pubbliche all’atto di sviluppare ulteriormente l’UEM.
 
Il Comitato di contatto ha adottato all’unanimità una dichiarazione sull’importanza di disposizioni adeguate in materia di audit e di responsabilità democratica nell’Unione economica e monetaria e nella governance economica UE, da trasmettere al presidente del Consiglio europeo.
 
In detta dichiarazione, il Comitato di contatto invitava il Consiglio europeo a salvaguardare e rafforzare l’audit esterno delle finanze pubbliche e la responsabilità democratica nel completamento dell’UEM, nell’unione bancaria e nel rafforzamento del coordinamento delle politiche economiche, in particolare attraverso:
 
- l’elaborazione di un quadro coerente per l’audit e la responsabilità democratica;
- il riconoscimento dell’importanza dell’audit esterno delle finanze pubbliche nella legislazione UE;
- il rafforzamento delle disposizioni in materia audit per l’unione bancaria;
- l’integrazione delle disposizioni in materia di audit all’interno della disciplina di bilancio;
- il miglioramento della trasparenza e coerenza degli audit degli strumenti di stabilizzazione finanziaria.
 
La dichiarazione è stata corredata da una lettera introduttiva redatta di comune accordo e firmata dai membri della Troika, ossia il presidente della ISC della Lituania (presidente di turno del Comitato), il presidente della ISC del Portogallo ed il presidente della Corte dei conti europea.
 
Quanto al secondo punto, ha avuto luogo uno scambio preliminare di opinioni sul documento di presa di posizione della task force del Comitato di contatto sui compiti e sul ruolo dell’audit esterno delle finanze pubbliche alla luce dei recenti sviluppi della governance economica dell’Unione europea, istituita dal Comitato di contatto nell’ottobre 2012. La suddetta task force ha svolto un’analisi approfondita ed ha elaborato un documento di presa di posizione che presenta una sintesi delle proprie conclusioni e raccomandazioni e illustra alcune idee sulle questioni che dovrebbero essere affrontate dal Comitato di contatto in futuro. Detto documento conteneva inoltre proposte su come rendere più efficace il funzionamento del Comitato di contatto. Il Comitato di contatto ha invitato gli agenti di collegamento a riflettere ulteriormente e a giungere a proposte più concrete sulle questioni presentate, in vista della prossima riunione del Comitato, prevista per l’ottobre 2013.
 
11/06/2013

Dichiarazione 2013 del Comitato di contatto


Importanza di disposizioni adeguate in materia di audit e di responsabilità democratica nell’Unione economica e monetaria e nella governance economica UE


Questo sito è gestito dalla Corte dei conti europea