Disposizioni UE relative ai cookie
Ai sensi della Direttiva 2009/136/CE, si informano le persone che desiderano visitare questo sito che, all'accesso, verrà registrato un cookie. Se non si è d'accordo, non entrare nel sito. Il cookie in questione sarà usato per registrare le preferenze concernenti la lingua ma non conterrà alcun dato personale e scadrà dopo un anno.

Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali

Nel 2000 il Comitato di contatto ha istituito un Gruppo di lavoro per presiedere alla realizzazione di studi paralleli sulla gestione dei Fondi strutturali negli Stati membri. Lo scopo di tali studi era ottenere una descrizione accurata, corretta e documentata delle procedure seguite negli Stati membri per gestire e controllare i Fondi strutturali. Il Gruppo di lavoro ha condotto un’indagine esplorativa sui Fondi strutturali dell’UE (2000-2006) e ha presentato una relazione nel 2002.
 
Nel 2002, il Gruppo di lavoro ha continuato a operare come “Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali I”, con l’obiettivo di intraprendere un audit parallelo dei meccanismi per assicurare una pista di audit adeguata ed il controllo su un campione del 5 % delle operazioni, come prescritto dal regolamento (CE) n. 1260/1999 del Consiglio e dal regolamento (CE) n. 438/2001 della Commissione. Una relazione è stata presentata nel 2004.
 
Nel 2004, il Gruppo di lavoro ha ricevuto un nuovo mandato (Fondi strutturali II) per svolgere un esame sintetico e mirato dei processi volti a identificare, notificare e dare seguito alle irregolarità. Una relazione è stata presentata nel 2006.
 
Nel 2006, il Comitato di contatto ha incaricato il Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali III di procedere all’esame delle questioni relative ai Fondi strutturali ed in particolare di intraprendere un audit sulla performance (realizzazione/efficacia) dei programmi dei Fondi strutturali nei settori dell’occupazione e/o dell’ambiente. Una relazione è stata presentata nel 2008.
 
Nel 2008, il Comitato di contatto ha incaricato il Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali IV di attuare un esame incentrato sui “costi dei controlli” (includendo possibilmente l’uso di assistenza tecnica per i controlli dei Fondi strutturali). Una relazione è stata presentata nel 2011.
 
Nel 2011, il Comitato di contatto ha incaricato il Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali V di proseguire i lavori con un esame incentrato sulla “semplificazione della regolamentazione sui Fondi strutturali”.
 
Nel 2013 è stata presentata una relazione.
 
Nel 2013, il Comitato di contatto ha incaricato il Gruppo di lavoro sui Fondi strutturali VI di proseguire il suo lavoro di esame dei Fondi strutturali e di intraprendere un audit parallelo sul tema “analisi degli errori negli appalti pubblici nell’ambito dei programmi dei Fondi strutturali”. Nel 2015 è stata presentata una relazione.
 
Una relazione è stata presentata nel 2015.
 
Nel 2015, il Comitato di contatto ha incaricato il gruppo di lavoro di proseguire i lavori e di espletare un audit parallelo sul “Contributo dei Fondi strutturali alla Strategia Europa 2020 nel settore dell’istruzione e/o dell’occupazione”. Nel 2017 è stata presentata una relazione.
 
Per maggiori informazioni, contattare:
 
Joachim Fuhs, Corte dei conti tedesca  joachim.fuhs@brh.bund.de
 
Beate Korbmacher, Corte dei conti tedesca  beate.korbmacher@brh.bund.de
 

Relazioni sul tema:
 
13/01/2016

Final report on the Analysis of (types of) errors in EU and national public procurement within the Structural Funds programmes


The Working Group carried out the parallel audit in order to understand why detected errors in Structural Funds are often associated with public procurement rules. The findings show that ‘lack of knowledge’ is the most common reason for errors in public procurement, followed by ‘interpretation difficulties’. The participating SAIs concentrated on the errors reported by national authorities and SAIs. They assessed the national applications of the relevant COCOF guidelines and scrutinised national systems aimed at detecting and preventing errors in public procurement procedures. Furthermore, they analysed the types and causes of errors and identified similarities and differences across the Member States.
16/01/2012

Final Report on the Parallel Audit on the Costs of controls of Structural Funds


In this report submitted to the Contact Committee, the Working Group informs the Member States about challenges, key findings and recommendations arising from its parallel audit on the costs of controls of the management of Structural Funds, including the use of technical assistance for the control of Structural Funds. The audit covered a wide range of operational programmes.
12/10/2009

Final Report on the Parallel Audit on the processes of identifying, reporting and following-up on irregularities


In this report the Working Group submitted to the Contact Committee its key findings, good practices, weaknesses and recommendations on the processes in place for identifying, reporting and following up on irregularities depending on Country Reports prepared as results of the parallel audits conducted by the participating SAIs. The findings of the report are related to six key areas: 1) Guidance; 2) Identification and recording of potential irregularities; 3) Examination and decision-making on recorded irregularities; 4) Reporting to the Commission; 5) Follow up/investigation of the reported irregularities; 6) Financial Corrections.
12/10/2009

Final Report on the Parallel Audit of the Performance of the Structural Funds programmes of the EU in the areas of employment and/or environment


In this report the Working Group submitted to the Contact Committee its key findings, good practices and recommendations on the Performance of the Structural Funds Programmes of the European Union in the Areas of Employment and/or Environment depending on Country Reports prepared as results of the parallel audits conducted by the participating SAIs. The findings of the audit are related to six key areas: 1) Planning of Measures and Selection of Projects; 2) Goal oriented application procedures; 3) Award procedures; 4) Monitoring and Reporting; 5) Evaluation; 6) Participation of the Monitoring Committees in the evaluation of earlier Structural Funds measures and in the planning of new Structural Funds measures.


Questo sito è gestito dalla Corte dei conti europea