Special report|20d56233-5179-449f-93ac-6c9e8f3787cb
-->
Relazione speciale 15/2020: La protezione degli impollinatori selvatici nell’UE: le iniziative della Commissione non hanno dato i frutti sperati

Italian icpdf.png 3 MB
09/07/2020

Negli ultimi decenni, la quantità e la diversità degli impollinatori selvatici nell’Unione europea hanno subìto un declino. Nel 2018, la Commissione ha compiuto un passo avanti verso un approccio coordinato per porre fine a tale declino varando l’iniziativa a favore degli impollinatori. La Corte ha constatato che tale azione ha sortito scarsi effetti nell’arrestare il declino e che, per conseguire gli obiettivi stabiliti, l’iniziativa avrebbe dovuto essere gestita meglio. Inoltre, né le politiche relative alla biodiversità e all’agricoltura, né la normativa in materia di pesticidi prevedevano misure adeguate alla protezione degli impollinatori selvatici. La Corte formula raccomandazioni al fine di migliorare tale protezione nelle politiche e nella normativa UE esistenti.

Relazione speciale della Corte dei conti europea presentata in virtù dell’articolo 287, paragrafo 4, secondo comma, del TFUE.