Special report|20d56233-5179-449f-93ac-6c9e8f3787cb
-->
Relazione speciale 02/2022: L’efficienza energetica nelle imprese - In alcuni casi è stato conseguito un risparmio energetico, ma vi sono debolezze nella pianificazione e nella selezione dei progetti

Italian icpdf.png 3 MB
17/01/2022

L’efficienza energetica è essenziale per conseguire la neutralità dell’UE in termini di emissioni di carbonio entro il 2050. La Corte ha analizzato i progetti di efficientamento energetico nelle imprese cofinanziati con i fondi della politica di coesione. È stato riscontrato che la Commissione non aveva valutato i potenziali risparmi energetici nelle imprese né il loro fabbisogno di finanziamenti e che i programmi non specificano in che modi i fondi contribuiscano alle priorità in tema di efficienza energetica. Non è possibile determinare questo contributo tramite gli indicatori ex post, ma gli auditor della Corte lo hanno stimato pari allo 0,3 % dello sforzo necessario per raggiungere il valore-obiettivo del 2030. Nel complesso, gli investimenti in efficientamento energetico sono stati efficienti. L’utilizzo di indicatori finanziari nel processo di selezione avrebbe evitato alcune inefficienze e avrebbe consentito di scegliere meglio lo strumento di finanziamento. La Corte raccomanda alla Commissione di chiarire il contributo dei fondi dell’UE e di verificare se la scelta dello strumento di finanziamento sia ragionevole.

​Relazione speciale della Corte dei conti europea presentata in virtù dell’articolo 287, paragrafo 4, secondo comma, del TFUE.